giovedì 27 giugno 2013

ECONOMIA E CRISI: INCONTRO CON NANDO IOPPOLO, LAURA CASTELLI E CARLO SIBILIA



11 commenti:

  1. Paola Botta Beltramo28 giugno 2013 10:37

    A 18’ ca dall’inizio il prof. Ioppolo afferma:”…sono errori terribili che non si possono fare…quando si fa una speculazione con i derivati sui prezzi dei cereali si sa che come effetto collaterale c’è un aumento dei prezzi che porterà alla fame milioni di persone….” Nel corso del programma televisivo “Otto e mezzo” su La7 (a 15’ ca you tube) un giovane manager italiano, che si è licenziato nel 2008 dalla più grande banca d’affari internazionale, afferma: “sono rimasto sconvolto nel momento in cui c’era l’aviaria e si poteva scommettere sulla morte di aviaria; c’erano degli strumenti derivati e delle opzioni che ti permettevano di scommettere su quante persone sarebbero morte…”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel film di M.Moore Sicko le multinazionali stipulano assicurazioni sulla vita dei dipendenti se questi si ammalano e muoiono la famiglia paga cure, ospedale e cassa del morto mentre la multinazionale mette a bilancio il premio pagato dall'assicurazione.
      Naturalmente il dipendente non ne sa nulla!

      Ah, la polizza è nota come "assicurazione del contadino morto"

      Elimina
  2. Domanda per Elia Menta: lei che lo conosce, ma il prof. Ioppolo cosa pensa del M5S e di Grillo???
    Ho ascoltato l'intervista e sembra che sinceramente Ioppolo guardi al M5S come ad una possibile via per combattere il sistema, e non come ad una creazione del sistema stesso per fregarci ancora una volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sibilia e la Castelli (più qualche altro deputato e senatore) sono genuinamente animati da volontà e quindi vanno supportati. Altra cosa è il M5S. INSOMMA BISOGNA VALUTARE LE PERSONE SINGOLARMENTE ANCHE SE LA MAGGIORANZA DEL M5S NON PENSA LIBERAMENTE MA VA DIETRO SLOGAN E VICOLI CIECHI. Tieni conto che vanno dietro anche a Piero Ricca il quale addirittura conduce una trasmissione su LaCosa.

      Elimina
  3. Grazie per la risposta.
    Il mio timore è che così si sta solo facendo il loro gioco (cioè quello di Casaleggio).
    Quando Casaleggio permette ai suoi parlamentari di muoversi liberamente, come sta facendo Sibilia ora, sta attuando la seguente strategia di marketing: far guadagnare al M5S consensi tra le fila degli "appassionati" ai temi come il debito truffa, la finanza speculativa, etc... perché questi fanno parte dell'elettorato proprio come gli appassionati alla decrescita, all'ambiente, alla legalità e a tutti gli altri temi su cui il M5S ha costruito la sua immagine.
    Permettere a Sibilia di fare determinate dichiarazioni in parlamento sul debito è cosa diversa dal far muovere l'intero M5S e il suo elettorato in quella direzione.
    Quando Sibilia inizierà a diventare realmente scomodo per Casaleggio, sarà fatto fuori e ricoperto di letame proprio come è stato fatto per gli altri ex-parlamentari 5 stelle.
    E' questo che mi lascia perplesso: pensare che Casaleggio, uno che è stato in grado di creare dal nulla un mostro del genere, sia così ingenuo da non aver considerato i danni che gli potrebbe causare un Sibilia o chi per lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento Sibilia non toccando b€pp€ e casaloggia di bernardo non avrebbe senso attaccarlo... ma stai sereno che appena diverrà qualcosa di più e lo silureranno allora avremo la prova provata della pulizia di Sibilia e della falsità degli ideatori.

      Elimina
  4. Sarebbe opportuno che Sibilia e gli altri parlamentari che sono animati dalla sincera volonta' di cambiare le cose si organizzasero anche al limite creando un gruppo parlamentare autonomo e non sarebbe male se assumessero Galloni e Ioppolo come consulenti/collaboratori ed al limite sguinzagliarli nelle trasmissioni tv dove si parla di economia in modo da iniziare a sfondare il muro dei media,per quanto ancora dovremo sopportare gli economisti farlocchi di fermare il declino andare in tv a dire delle caxxate facendo credere alla povera gente che le ricette per uscire dalla crisi sono quelle liberiste che l'hanno provocata?
    Emiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, anche a me piacerebbe che i parlamentari "dissidenti" si staccassero dal M5S e creassero un gruppo per conto loro, iniziando a organizzare un vero e proprio movimento autonomo.
      Se fossi in loro, non sarei contento di continuare a farmi associare a quello che fa Grillo, viste le cose che sta combinando... un mio amico era membro attivo di una lista civica 5 stelle, alla fine se ne è andato perché si vergognava di vedere associato il suo nome a quello di Grillo, viste le ultime clamorose uscite come il trattamento riservato a Rodotà e alla Gambaro.

      Elimina
  5. Sarebbe opportuno che Sibilia e gli altri parlamentari che sono animati dalla sincera volonta' di cambiare le cose si organizzasero anche al limite creando un gruppo parlamentare autonomo e non sarebbe male se assumessero Galloni e Ioppolo come consulenti/collaboratori ed al limite sguinzagliarli nelle trasmissioni tv dove si parla di economia in modo da iniziare a sfondare il muro dei media,per quanto ancora dovremo sopportare gli economisti farlocchi di fermare il declino andare in tv a dire delle caxxate facendo credere alla povera gente che le ricette per uscire dalla crisi sono quelle liberiste che l'hanno provocata?
    Emiliano

    RispondiElimina
  6. Capisco la dovuta prudenza di Ioppolo, ma forse sarebbe meglio non screditasse i "complottisti".
    Capisco anche che il suo ottimismo serva per incoraggiare il dissenso, tuttavia non regge al confronto con i fatti. Se l'elite non è davvero così potente, come mai al governo non si muova foglia che questa non voglia? Sottovalutare il pericolo potrebbe portare alla stessa fine di Moro.

    Mandragola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non li ha screditati ma basta definirsi "complottisti" questa etichetta falsa.

      I complottisti sono coloro che creano i complotti non chi li sospetta o chi li denuncia caxxo!

      Infatti chi ci affibbia questa etichetta gli rispondiamo etichettandolo come negazionista e questo è micidiale.

      Elimina

Scrivi un tuo commento: